Carte di credito senza conto corrente: l’avanguardia del credito

Non tutti sanno gestire una carta di credito, non tutti vogliono intaccare il proprio conto corrente ma tutti ora sapranno che esistono delle carte di credito senza conto corrente che riescono ad unire i benefici della carta senza perdere il controllo del proprio conto corrente.

Come funziona la carta di credito?

La carta di credito alle sue origini è uno strumento di pagamento che permette di utilizzare un credito che viene messo a disposizione dalla propria banca nel momento del rilascio della tessera.

Una volta ricevuta, la carta, darà la possibilità di poter effettuare operazioni di pagamento e di anticipo contante.

Per la restituzione di quanto speso ci sono due vie:

  • a saldo: con rimborso su c/c in un unica soluzione che può essere mensile o trimestrale
  • rateale: in rate di importo prestabilite dalla banca

Carta di credito senza conto corrente: ecco cosa cambia

Ci sono vari tipi di carte di credito senza conto corrente, eccone di seguito analizzate alcune tipologie

carta di credito revolving

Rilasciata da alcune società finanziarie che permettono la restituzione delle somme mediante pagamento di bollettini postali che rateizzano l’importo totale (invece di effettuare l’addebito in c/c) con scadenze prestabilite.

Certo è che questo tipo di carte di credito senza conto corrente prevedono delle spese piuttosto elevate quindi state molto attenti alle condizioni di utilizzo di questo tipo di carte e alle condizioni economiche che prevedono. Ad ogni modo la richiesta di questo tipo di carta di credito è molto semplice e basterà recarsi in una società finanziaria muniti di documento di riconoscimento e con un documento comprovante un reddito (cud, busta paga…) per poterne usufruire.

carta di credito ricaricabile senza conto corrente

Effettivamente questo tipo di carta non può essere propriamente identificata come carta di credito in quanto non offrono un vero e proprio credito di per se perché ti permettono di spendere solo le somme che effettivamente si è deciso di caricare sulla carta stessa.

Sono, però, identificate come carte di credito perché sono abilitate ai circuiti di pagamento tipici delle carte di credito (come MasterCard o Visa). Sono diverse dai prestiti personali, in questo caso ti consigliamo di chiedere informazioni sul sito http://www.prestitopersonale.org.

Queste carte sono concesse a condizioni economiche estremamente convenienti e possono essere una valida soluzione in caso di acquisti online, ad esempio, e non prevedono i costi di gestioni delle comuni carte di credito.

carta di credito con iban ma senza conto corrente

Carte di pagamento abilitate ai principali circuiti come MasterCard, Visa e Maestro. Queste carte di credito sono conosciute abitualmente come carte-conto perché sono effettivamente legate ad un IBAN e danno la possibilità di effettuare bonifici e ricevere lo stipendio.

Le carte- conto hanno dei costi di gestione molto sostenuti che vanno dai 10 ai 20 euro annuali, di solito. Sono carte molto flessibili e facilmente acquistabili presso le banche e le società finanziarie e il necessario per poterne fare richiesta è un documento di identità in corso di validità e il codice fiscale.

Le carte di credito senza conto corrente sono in definitiva la semplificazione di un concetto a volte troppo complesso altre volte addirittura rischioso per far si che chiunque possa beneficiare del bello del credito.

Hai una carta di credito senza conto corrente? Conosci qualcuno che la usa abitualmente?